giu 27

Tracolla per iPad

Anche se il nome può trarre in inganno, la borsa che voglio proporvi non ha nulla a che vedere con il caffè!

Si tratta di una comoda tracolla prodotta da Tom Bihn, di cui vi avevo già parlato in merito a The Cache.

La parte esterna è realizzata con un nuovo materiale: Cordura®, una fibra ultra resistente utilizzata in campo militare, infatti risulta essere molto sottile, ma allo stesso tempo robustissima.

Anche per il rivestimento interno è stato utilizzato un nuovo prodotto, ovvero Taslan®, un tessuto di poliestere altrettanto robusto.

Una volta aperta la borsa troverete tre tasche, di cui una destinata ad iPad, il quale deve essere inserito all’interno di un’ulteriore scomparto più morbido (per intenderci: una tasca dentro una tasca!). Nelle altre due, invece, è possibile inserire accessori e quant’altro.

Tracolla per iPad

Ma le tasche non son finite qua, infatti sul retro ve n’é un’altra destinata all’inserimento di documenti o libri.

Tracolla per iPad

Insomma, una borsa piena zeppa di tasche!

Anche a numero di tracolle, l’azienda non si è voluta risparmiare.

Infatti oltre alla versione classica, di cui tra l’altro è possibile, con l’aggiunta di 20$ (16,15€), richiedere la Absolute Shoulder Strap (molto più robusta), è dotata, sul retro, di una piccola cintura da allacciare in vita, utile soprattutto per chi va in bici o in moto.

Tracolla per iPad

Ristretto Bag è disponibile in sei combinazione di colori: marrone e verde, verde e arancione, nero e grigio, nero e giallo, marrone e arancione, e marrone e grigio.

Potete acquistarla ad un prezzo di 110$, circa 90€, sul sito Tom Bihn.

Altri articoli correlati:

  1. Breve, la borsa ultra protettiva per iPad, by Tom Bihn
  2. Cocoon presenta Harlem Bag
  3. A-Line Bag: borsa per iPad firmata Speck
  4. Messenger Bag: un modo sportivo per trasportare iPad
  5. Caine Leather presenta Messenger Bag

Una risposta a “Tom Bihn presenta: Ristretto Bag”

  1. paolo scrive:

    peccato che in Italia non sia distribuito e farselo spedire costa alla fine un botto

Lascia un commento