ago 07

guardare i film su ipad in modo gratuito

Chiaramente il mondo di iPad è in continua evoluzione ed anche la nostra guida sui film su iPad ha bisogno di un aggiornamento; il motivo è CineXPlayer.

guardare i film su ipad in modo gratuito

CineXPlayer è una App simile a yxplayer (già yxflash) ma con una differenza sostanziale: è completamente gratuita.

guardare i film su ipad in modo gratuito

La qualità di questa App è davvero ottima; la riproduzione, per quel poco che ho potuto testarla, è davvero perfetta.

Inoltre mi è sembrata molto stabile, oltre che fluida.

guardare i film su ipad in modo gratuito

Gli unici limiti in merito a questa App riguardano i file supportati (niente mkv né AC3); in ogni caso non dovreste incontrare con la maggior parte dei comuni Divx.

Inoltre sembra che, con i prossimi aggiornamenti, questo problema possa essere risolto.

Vi rimando alla recensione di yxflash per la spiegazione del caricamento dei film su iPad dato che il procedimento è del tutto analogo.

Per scaricarla ecco il link ad App Store: applicazione gratuita.

Altri articoli correlati:

  1. Guida: tutti i modi per guardare i film su iPad (aggiornamento yxflash in App Store))
  2. Guida: tutti i modi per guardare i film su iPad (seconda parte)
  3. Guida: tutti i modi per guardare i film su iPad (prima parte)
  4. Guida: tutti i modi per guardare i film su iPad (terza parte)
  5. Inception e The Dark Knight: i film diventano App

6 risposte a “Guida: tutti i modi per guardare i film su iPad (aggiornamento CineXPlayer)”

  1. Paolo scrive:

    Questa app funziona solo su iPad non jb? Sul mio iPad jb mi da errore…

  2. Marco scrive:

    No, non dovrebbe essere un problema di jb; prova a reunstallarla ed a riavviare iPad!

  3. Paolo scrive:

    Grazie,ma continua a non funzionare. Se provo ad avviare la riproduzione di un avi mi viene un messaggio dove dice”spiacenti ma non possiamo riprodurre questo video”…

  4. Giulio scrive:

    Ma che gratuita e gratuita si paga e fa pure pena!

  5. Stefy scrive:

    Era gratuita quando avevamo scritto l’articolo ;)

  6. Paolo P. scrive:

    Ma non doveva essere gratuita? In realtà è a pagamento….

Lascia un commento