ott 20

considrazioni sul q4 di Apple

Come saprete ieri vi abbiamo aggiornato sull’andamento delle vendite di iPad nel quarto trimestre fiscale 2010 per Apple.

Sono iniziate ad arrivare le prime risposte a Jobs, alcune ovvie, altre molto meno.

Partendo da quelle ovvie vi posso dire che, innanzitutto, sono arrivate le prime critiche da RIM, ossia BlackBerry.

Jobs aveva ridicolizzato il formato da 7″ con una certa enfasi affermando che un display largo il 45% di quello di iPad è troppo scomodo.

Avendo provato entrambi i formati non posso che essere d’accordo con Jobs. Ovviamente RIM è di diverso avviso sottolineando come il suo prodotto sia ottimo ed inoltre compatibile con Flash di Adobe.

Ovviamente il fatto che siano in ritardo di svariati mesi rispetto al lancio di un prodotto da cui si sono ispirati sotto vari profili non sembra essere preso in considerazione.

La seconda questione che è nata riguarda l’andamento delle vendite.

Diversi analisti avevano sovrastimato le vendite di iPad; questo ha portato a dire che le vendite siano state sotto le previsioni.

In realtà anche questo ragionamento mi è parso piuttosto azzardato.

La realtà dei fatti è che trovandosi di fronte ad un prodotto appena uscito, senza uno storico con cui confrontarsi, non si può effettuare una stima accurata.

Pensate che la forbice dei dati è compresa tra i 2,4 milioni stimati da Daniel Ernst ai 6,5 milioni di Vijay Rakesh contro il dato ufficiale pari a 4,19 milioni di unità.

I dati dei due analisti, professionisti del settore, sono estremamente significativi sulla reale possibilità di ragionare in modo puntuale su un prodotto in fase di lancio.

Aggiungete a questo il tradizionale alone di segretezza che circonda Apple e potete immaginare la precisione del risultato finale.

Altri articoli correlati:

  1. Ecco i risultati del Q4 di Apple: iPad +166%
  2. iPad: le vendite superano quota due milioni
  3. Disponibili i dati sul quarto trimestre Apple: iPad continua a crescere
  4. iPad Day After: il modello più venduto è il più caro
  5. iPad ed i suoi “effetti collaterali” sui prodotti Apple

Lascia un commento