giu 09

La censura colpisce l'Ulisse di Joyce

Sembra paradossale ma Apple ha deciso di censurare una App che ripropone l’ulisse (Ulysses, 1922) di James Joyce.

Questa App, creata da Rob Berry e Josh Levitas, è stata infatti reputata, in più punti, oscena (giudicate voi dalle immagini quanto possa essere considerata oscena…).La censura colpisce l'Ulisse di Joyce

Inoltre non è stato possibile, per i due autori, correggere le immagini con foglie di fico o simili in quanto Apple ha vietato anche quello.

I due autori, nonostante le difficoltà, hanno deciso di pubblicare comunque la loro App applicando le direttive di Apple.

Strano destino per questa opera di Joyce che, anche nella sua versione originale, fu inizialmente vietata, proprio negli Stati Uniti.

Solo 14 anni dopo la sua prima pubblicazione fu giudicata “non pornografica”; chissà se nell’iPad del 2024 potremo leggere la storia integrale!

Se volete approfondire il discorso potete leggere anche:

Steve Jobs spiega le ragioni della censura su iPad

Steve Jobs e le sue mail incandescenti

La censura di Apple è inutile?

Altri articoli correlati:

  1. La censura di Apple è inutile?
  2. Steve Jobs spiega le ragioni della censura su iPad
  3. Cartelle su iBooks in arrivo
  4. Steve Jobs rassegna le dimissioni da CEO di Apple
  5. Apple è una nuova religione

3 risposte a “La censura di Apple colpisce James Joyce”

  1. Carletto scrive:

    Veramente scandaloso, fra un po’ decideranno anche che libri si possono o non si possono leggere?

  2. [...] proposta dal vignettista Mark Fiore, già vincitore del Premio Pulitzer, oppure quella della versione a fumetti dell’Ulisse di Joyce, entrambi casi in cui la Apple ha fatto un passo indietro una volta capito il ginepraio nel quale [...]

  3. [...] “libertà dal porno“, fino ad arrivare per attuare questo nobile piano ad episodi veramente ridicoli come quello della censura di un fumetto sull’Ulisse di Joyce solo perché in una tavola appariva [...]

Lascia un commento