mag 20

Apple e Censura

Se seguite il nostro blog vi ricorderete dei post in cui abbiamo parlato di censura da parte di Apple. (via1) (via2).

Steve Jobs ne ha fatto una questione personale: nessun contenuto “hard” su iPad.

Come, quindi, ben potete immaginare iPad è un dispositivo escluso da questo genere di contenuti.

In realtà no.

Le ragioni che tenevano iPad lontano dal mondo a luci rosse erano, ed in parte sono, sostanzialmente due:

1) App Store blocca le App “Osé” che non raggiungono il mercato virtuale;

2) Safari non visualizza Flash, lo standard video più utilizzato dai siti del settore.

Ovviamente la situazione delle App non è cambiata di una virgola, in compenso, uno dei più famosi portali di contenuti video hard ha iniziato la sua conversione allo standard HTML5 e, nell’istante in cui vi sto scrivendo, è già visibile  da iPad.

Chiaramente si tratta di un caso isolato, ma è evidente che anche gli altri siti prenderanno i loro provvedimenti.

Inoltre, a meno che Apple non decida di bloccare selettivamente l’accesso a chissà quanti siti, in realtà, non sembra poter fare molto per contrastare il fenomeno.

Staremo a vedere!

Altri articoli correlati:

  1. La censura di Apple colpisce James Joyce
  2. Pronti per ipad? Fate valutare il vostro sito da Apple
  3. iPad: primi problemi con i video in 3G
  4. Steve Jobs spiega le ragioni della censura su iPad
  5. Apple rilascia iOS 4.3 per iPad

Lascia un commento