giu 17

Test della App non ufficiale del fatto quotidiano

Da qualche settimana ormai é uscita una App non ufficiale che permette di leggere il Fatto Quotidiano comodamente sul proprio iPad, per coloro che hanno un abbonamento al giornale in formato digitale.Ve la avevamo presentata appena uscita, ora la ho testata e voglio proporvi le mie impressioni.

A vederla grezzamente non é nient’altro che un PDF reader, con una grafica che ricorda quella di iBooks.

Di base fa bene il suo lavoro, é piacevole a vedersi ed é stabile e veloce.

Inoltre ha una caratteristica che potrebbe sembrare banale ma conferisce in realtà un grande vantaggio: inserendo il proprio indirizzo mail e la password, con un click e’ possibile scaricare il giornale di oggi, conservando tutti i numeri precedenti nel proprio archivio e rendendo quindi le operazioni di download e trasferimento assolutamente immediate e semplici.

Dopo tutto il giornale uno lo legge tutti i giorni. L’abbonamento dura un anno, quindi nei suoi 2,99 euro di costo, questa App vi risparmia le future 365 autenticazioni al sito, e trasferimenti su iPad usando iTunes.

Insomma, vi fa risparmiare tra tre e quattro minuti al giorno (quindi circa 14-20 ore all’anno). Chiedetevi: 2,99 euro valgono quasi un giorno della vostra vita ogni anno? Per me si…

Ecco il link alla precedente recensione per l’acquisto.

Altri articoli correlati:

  1. Che cosa è successo alla App de il Fatto Quotidiano?
  2. eBay per iPad, lo abbiamo provato
  3. Il Fatto Quotidiano ora su iPad
  4. Che cosa è successo alla App de il Fatto Quotidiano? (aggiornamento)
  5. Il Fatto Quotidiano per Abbonati torna su App Store Italia

2 risposte a “Il Fatto quotidiano “unofficial”: lo abbiamo provato”

  1. Roberto scrive:

    L’app non era ufficiale e ora è sparita dallo store in più hanno aggiornato il sito web del fatto e adesso non funziona! Complimenti allo sviluppatore -.- meriterebbe una bella denuncia se solo avessi tempo da perdere

  2. paolo scrive:

    l’app ora funziona alla grande. è quello che è, semplice e scarna, senza opzioni. ma…..il fatto è il fatto.

Lascia un commento